giovedì 8 settembre 2011

Giuseppe Gioacchino Belli 150 anni fa, un veggente?

Mentre ch’er ber paese se sprofonna
Tra frane, teremoti, innondazioni
Mentre che so’ finiti li mijioni
Pe tura’ un defici’ de la Madonna

Mentre scole e musei cadeno a pezzi
  E l’atenei nun c’hanno più quadrini
Pe’ la ricerca, e i cervelli ppiù fini
Vanno in artre nazzioni a cerca’ i mezzi

Mentre li fessi pagheno le tasse
  E se rubba e se imbroja a tutto spiano
E le pensioni so’ sempre ppiù basse

Una luce s’è accesa nella notte.
Dormi tranquillo popolo itajiano
A noi ce sarveranno le mignotte!
(Da “Li sovrani der monno vecchio” creata nel 1831 da Gioachino Belli Roma, 7 settembre 1791 – Roma, 21 dicembre 1863)

Nessun commento: