lunedì 18 marzo 2013

Il lancio del nano e altri esercizi di filosofia minima (scritto da Armando Massarenti recensione di Ubaldo Nicola)

Andava di moda qualche anno fa, fra gli australiani, lo strano sport del “lancio del nano”. Che cosa è? Nulla di meno di quanto il titolo promette: ci si sfidava a gettare il più lontano possibile un nano consenziente. Lenny, soprannominato “The Giant” (Il Gigante), la star di questo sport, è stato lanciato a più di nove metri, con soddisfazione sua e del “lanciatore”. La cosa non può lasciarci indifferenti. E’ giusto vietare questa pratica perché lesiva della dignità umana? Oppure hanno ragione i nani a difendere il loro diritto di essere lanciati come e quando gli pare?
La questione, comunque, è troppo curiosa per passare inossservata agli occhi di un filosofo, e così Armando Massarenti, si trovò a scriverne sulle pagine Scienza e Filosofia del supplemento culturale Il Sole 24 Ore, di cui è il responsabile. Si poteva, però, comporre un lungo e dotto articolo su un problema tanto spicciolo e minimo? L’intuizione fu, si legge sulla copertina del testo edito da Guanda, che “Alle grandi questioni della filosofia forse conviene risponedere in breve. Almeno questa è la nostra scommessa. Non sempre è possibile, ovviamente, e certo le rispose non potranno essere definitive. Ma a ben vedere questo anche per le sontuose trattazioni cui ci hanno abituati i pensatori di ogni tempo”...leggi tutto

Nessun commento: